Richiedi una consulenza! 338 7270412 | info@nutristrategies.com

Ho selezionato per te i migliori protocolli dietetici che hanno dimostrato avere, sia nella pratica che nella letteratura scientifica, la maggiore efficacia in caso di:

    • obesità e sovrappeso
    • sindrome metabolica
    • resistenza insulinica
    • diabete di tipo 2
    • infertilità anovulatoria/fecondazione medicalmente assistita
    • Sindrome dell’Ovaio Policistico (PCOS)
    • disturbi gastrointestinali
    • steatosi epatica non alcolica
    • dislipidemie
    • intolleranze alimentari e allergie
    • acne e dermatiti
    • fibromialgia
    • adiposità localizzate e cellulite
    • preparazione alla chirurgia bariatrica
    • ricomposizione corporea

I piani nutrizionali vengono personalizzati in base alle condizioni fisiologiche, alle patologie accertate, alle esigenze personali e all’esercizio fisico praticato. Il metodo prevede una fase di preparazione, una fase di attacco e una fase di mantenimento.

La fase di preparazione consiste di una dieta a basso carico glicemico, che consente di perdere peso, migliorare lo stato di salute e di benessere e nel contempo permette di recepire in maniera più graduale la dieta della fase di attacco. L’obiettivo desiderato viene spesso raggiunto con la dieta a basso carico glicemico. Diversamente si passa alla fase di attacco.

La fase di attacco consiste di una dieta specifica a seconda delle condizioni suddette, come ad esempio la dieta chetogenica (VLCKD). Può essere condotta fino al raggiungimento dell’obiettivo desiderato, o può essere alternata ciclicamente ad un’altra dieta. Quale può essere la strategia nutrizionale migliore viene valutata caso per caso e monitorata grazie ai controlli che vengono effettuati periodicamente (servizi). La dieta chetogenica (VLCKD) è solo uno dei diversi protocolli dietetici della fase di attacco.

La fase di mantenimento subentra a obiettivo raggiunto. È una dieta mediterranea bilanciata per mantenere nel tempo i risultati raggiunti, in quanto obesità e sovrappeso tendono a recidivare. È quindi necessario provvedere ad una riformulazione dello stile di vita, di cui la dieta di mantenimento secondo il modello della dieta mediterranea è un aspetto importante e da non sottovalutare, soprattutto per i primi due anni successivi al raggiungimento del peso desiderato. Pertanto anche durante il mantenimento sono previsti controlli periodici ma più sporadici, che hanno inizialmente una cadenza trimestrale, poi ogni sei mesi e infine dopo un anno. Se il peso è stato mantenuto anche all’ultimo controllo, allora ti sei stabilizzato.

DIETA BASSO CARICO GLICEMICO

Condotta con carboidrati a lento rilascio per migliorare la risposta insulinica

dieta chetogenica (VLCKD)

Viene condotta con alimenti tradizionali, ma non si esclude l'ausilio di alcuni pasti sostitutivi, secondo necessità

dieta di eliminazione

In caso di intolleranza alimentare (lattosio, glutine, nichel, ecc...) o di Sindrome del Colon Irritabile (IBS)

DIETA MEDITERRANEA

Condotta nel lungo periodo come stile di vita e secondo tradizione, ma adattata alle specifiche necessità

Chiudi il menu